Responsabile sito Arch. Pasquale Caprio
Politiche di incentivazione e promozione per l’esercizio della professione

Commissione politiche di incentivazione e promozione per l’esercizio della professione

Coordinatore: Arch. Nicola Pellegrino

 

PROGRAMMA ,TEMI, PRIORITA’ E OFFERTA FORMATIVA

 

Affrontare il tema della professione risulta alquanto difficoltoso perché si tocca il concetto dei valori identitari nonché i problemi concreti legati al nostro mestiere. La difficoltà è ancora maggiore se si parla della nostra professione in quanto la figura stessa dell’architetto non si presenta come identità ben distinta. Questa eterogeneità si può ricondurre a varie cause che si rafforzano e si saldano nella struttura organizzativa dell’Ordine che ha per obiettivo indistinto la tutela della professione a prescindere dai diversi ruoli professionali che, invece, possono presentare connotazioni profondamente diverse. Agli estremi ci sono almeno due modalità diverse di esercizio: il lavoro autonomo e il lavoro dipendente; nell’intervallo fra questi vi è una costellazione di attività che non possono essere ricondotte né all’una né all’altra e che alimenta l’immagine non chiara della figura dell’architetto. L’incremento dei laureati e la crisi economica che ha colpito il settore edilizio ha ampliato questa fascia con un conseguente sviluppo di funzioni creative terziarie come designer, pubblicitari, grafici, arredatori ecc. Alcune di queste appaiono distanti dalla classica figura dell’architetto e si muovono nella direzione di una sempre maggiore separazione per raggiungere connotazioni sempre più specifiche.

L’Ordine non vuole distinguere le singole specificità delle attività volendo sempre più affermare la genericità e l’ampiezza perché di fatto deve tutelare la professione in astratto a prescindere dalle valutazioni di merito delle varie attività professionali esercitate sul territorio. Da ciò ne deriva un alto numero di iscritti che non trovano spazio all’interno delle attività dell’Ordine stesso. Essi si aspettano una funzione di rappresentanza e di pressione mentre da statuto l’Ordine deve solo vigilare e controllare il loro operato.

L’abolizione delle tariffe, l’assicurazione la formazione e il contratto obbligatori, impongono una assistenza maggiore che indirizzi verso un modello possibile per delineare un futuro ruolo per la professione di architetto. E’ paradossale che il paese dove ci sono più architetti e dove vi è la percentuale più alta di beni artistici ed ambientali sia il paese dove gli architetti sono meno rappresentati e, forse, di conseguenza meno rappresentativi delegando la cura di codesto Patrimonio a competenze spesso inadeguate.

Il modello di riferimento attuale per lo sviluppo della professione è quello di un professionista flessibile, capace di inserirsi in un processo complesso, di cooperare con varie competenze, di avere un ruolo sussidiario rispetto alle esigenze della funzione pubblica pur mantenendo la propria autonomia operativa ed intellettuale. Occorre, per tanto, promuovere ed indirizzare il ricambio, l’accesso, la proposta, la progettualità, la concretezza, creare strutture più dinamiche ed attente alle reali esigenze del territorio, dei cittadini e anche degli stessi architetti almeno finché saranno in grado di rappresentare le esigenze della collettività. Inoltre favorire l’aggregazione interprofessionale con l’istituzione di reti fra professionisti anche inter-comunitari per rendere sinergiche e più concorrenziali le strutture professionali.

La commissione si propone come interlocutore privilegiato e strategico in grado di rappresentare e sviluppare in forma unitaria gli obiettivi e le proposte di tutti i professionisti ed è proprio per questo che risulta indispensabile la massima partecipazione affinché la stessa possa essere depositaria di spunti, suggerimenti e strategie. Perché solo grazie all’apporto del sapere e della professionalità di ciascuno si potranno proporre soluzioni positive frutto della concertazione e del confronto tra chi ha davvero a cuore il futuro della professione di Architetto. Vogliamo aprire un dibattito non tanto sull’architettura (ci sono) ma sul fare l’architettura che implica un mestiere (anzi mestieri tutti inclusi nell’accezione “professione”), una visione, una sostenibilità, una condivisibilità fra di noi e con i cittadini e non ultima una condivisione di politiche di indirizzo. Cerchiamo ognuno che questa occasione non sia solo una materia da salotto o da commissioni ma diventi occasione per proporre nuove idee e spunti per nuove possibilità analizzando nuove possibilità sui percorsi di accesso alla professione.

Ciò premesso, il lavoro che si intende svolgere sarà differenziato in sezioni specifiche quali le competenze, disegni di legge e normative, incentivazione e sviluppo di esperienze professionali all’estero, aggiornamenti ed infine sostegno all’avviamento professionale dei più giovani.

Nello specifico:

COMPETENZE

In relazione ad un quadro fortemente frammentato con forti sovrapposizioni di ruolo e conflittualità ci si pone l’obbiettivo di fare chiarezza nella definizione del ruolo dell’architetto all’interno del processo edilizio così come avviene in altri paesi d’Europa e del mondo.

DISEGNI DI LEGGE E NORMATIVE

Negli ultimi anni si sono succeduti un consistente numero di leggi che affrontano il tema della professione spesso con proposte che non rappresentano una soluzione sistematica ma tesa a difendere diritti acquisiti o implementarne di nuovi. In parallelo si è assistita alla presunta liberalizzazione del mercato che di fatto lede la professione libera fondata sul pubblico interesse. Resta il fatto che nel nostro paese vigono troppe leggi, spesso in contraddizione tra loro, che rendono il sistema asfittico e poco chiaro. Anche in questo caso la commissione tenterà di essere di aiuto e supporto ai colleghi.

PROSPETTIVE PROFESSIONALI IN ITALIA E ALL’ESTERO

Dall’analisi di come viene svolta la professione nei vari paesi comunitari e all’estero ci si propone l’obbiettivo di stimolare le esperienze professionali in altri paesi favorendo ed incrementando i rapporti con le amministrazioni e gli studi professionali. La realtà italiana dei singoli professionisti e dei piccoli studi non deve essere intesa come un peso bensì come una risorsa, questo sapere artigianale deve essere messo a sistema con i colleghi e con le altre professioni per renderlo operativo sia nei piccoli mercati che nei grandi progetti e all’estero.

BANDI E CONCORSI

Monitoraggio e vigilanza a difesa della legalità nell’emanazione dei bandi, avvisi o affidamento degli incarichi.

PROMOZIONE

Pubblicizzazione delle attività progettuali di tutti gli iscritti mediante gli organi di comunicazione con l’organizzazione di mostre e convegni per la promozione e la diffusione delle proposte elaborat

leggi tutto...
Progetto 01/2017
IMPORTANTE!

CNAPPC - Sistemi AWN  e Formazione

Link a iM@teria


COLORO CHE NON HANNO MATURATO TUTTI I CREDITI IN DATA 31/12/2016 HANNO TEMPO FINO AL 30/06/2017 PER METTERSI IN REGOLA.

Schema esemplificativo relativo alla applicazione delle sanzioni disciplinari.

 


Per accedere ai corsi ON LINE è necessario entrare in im@teria nell'area Accesso Centralizzato ai servizi CNAPPC. Le password al primo accesso devono essere richiete nell'apposita area richiesta delle nuove credenziali.


Recupero credenziali d'accesso

Il recupero delle password è automatico. Non bisogna inviare alcuna mail, collegandosi ad Im@teria cliccare su Non ricordi i dati di accesso? e seguire la procedura richiedendo la password.

Se non si ricorda la username oltre che la password, basta essere in possesso del codice fiscale.


Nuova procedura unificata di autenticazione utente
Leggi tutto


Comunichiamo che per l’attivazione della Carta Nazionale dei Servizi è indispensabile controllare l’esattezza dei propri indirizzi e-mail e/o PEC in possesso dell’ordine.

Evidenziamo che non ci sono problemi per coloro che ricevono le comunicazioni (Newsletter e altro) da parte dell’Ordine.


Procedura per il reinvio della mail per poter accedere alla piattaforma

Leggi tutto


NUOVE LINEE GUIDA TRIENNIO 2017/2019

Circolare

Linee Guida

Allegato 1-Definizioni

Allegato2- Tabella

Allegato3-Requisiti Enti terzi

Allegato4- FAD

Le linee guida sono riportate con la comparazione con quelle vigenti nel triennio passato.

Tali linee guida sono in vigore dal 1 gennaio 2017


LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L’AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO VALIDE NEL TRIENNIO 2014/2016

Cartella zip

Presidio Protezione Civile

Consiglio di Disciplina

A seguito di modifica di un nominativo in data febbraio 2015 ri rende nota la

Circolare riportante l'elenco dei componenti

Invia PEC

 

Rivista Progetto

Canale YuoTube TeleArchitetti

Europa Concorsi

L’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Salerno ha realizzato in collaborazione con Europaconcorsi un progetto di comunicazione dalle caratteristiche estremamente innovative: Log-on.

Il servizio è completamente gratuito per tutti i nostri iscritti
Clicca QUI per registrarti
Clicca QUI per accedere
In caso di problemi chiamare l’helpdesk al 800031580

 

Consiglio di Amministrazione e la Giunta Esecutiva di Inarcassa, per il quinquennio 2015-2020

- Arch. Giuseppe Santoro – Presidente
- Ing. Franco Fietta – Vicepresidente
- Arch. Gianfranco Agostinetto – Consigliere e componente della Giunta Esecutiva
- Ing. Nicola Caccavale – Consigliere e componente della Giunta Esecutiva
- Arch. Filippo Franchetti Rosada – Consigliere e componente della Giunta Esecutiva
- Arch. Antonio Marco Alcaro - Consigliere
- Ing. Silvia Fagioli - Consigliere
- Ing. Antonio Fasulo - Consigliere
- Ing. Claudio Guanetti - Consigliere
- Arch. Marina Martinotti - Consigliere
- Ing. Ester Rutili - Consigliere

Quota d'iscrizione

Si comunica che il pagamento della quota annuale oltre agli sportelli delle poste italiane sul bollettino di C/C n° 27139849 o con bonifico IBAN IT 29 A076 0115 2000 0002 7139 849, può essere effettuato presso la segreteria dell’ordine.

CODICE BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX

 

PEC

Per richiedere l'attivazione GRAUTITA della PEC è necessario contattare direttamente la segreteria dell'Ordine

CONTATTI

Ordine Degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Salerno
C.F. 95008400657
Via G. Vicinanza, 11 - 84123 - Salerno
TEL. 089/241472 - 3314989813
FAX 089/252865
e-mail: info@architettisalerno.it
PEC: oappc.salerno@archiworldpec.it

 

FATTURAZIONE ELETTRONICA
 
Codice univoco: UFDZ67
A seguito dell’approvazione del Ddl di conversione del D.L. 50/2017 avvenuta in data di ieri, i fornitori di Codesto Ordine dal 1° luglio prossimo dovranno applicare sulla fattura elettronica lo split payment.
CODICE BIC/SWIFT  BPPIITRRXXX

 

Orari di ricevimento della segreteria

Mattina:
dal Lunedì al Venerdì dalle 9,30 alle 12,30
Pomeriggio:
Martedì dalle 16,30 alle 19,30

 

Trasparenza

Consiglio Trasparente

Progetto 01/2017