Responsabile sito Arch. Pasquale Caprio

Sentenza 3018/1997.

 Sentenza 3018/1997.

237) TAR TOSCANA - III Sezione - sentenza n. 2724 - 28 dicembre 2000 - Pres. Metro, Est. Migliozzi - V.G. (avv.ti Dati e Righi) c. Comune di Pietrasanta (n.c.) - ric. n. 3018/1997.

1. - Edilizia - Concessione - Diniego - Sanatoria ex art. 39 L. 724/94 - Domanda dolosamente infedele - Presupposti.

2. - Edilizia - Concessione - Diniego - Sanatoria ex art. 39 L. 724/94 - Domanda dolosamente infedele - Formazione del silenzio assenso - Impossibilità - Diniego disposto oltre 24 mesi dalla presentazione del condono - Legittimità.

1. - Il rigetto della domanda di condono ex art. 40 L. 28 febbraio 1985 n. 47, siccome ritenuta dolosamente infedele, si verifica allorché le inesattezze od omissioni siano preordinate a trarre in errore il Comune su elementi essenziali dell'abuso, quali la data della sua commissione e la qualificazione giuridica dell'illecito.

2. - La inesatta rappresentazione della realtà contenuta nella istanza di concessione in sanatoria su un presupposto essenziale per l'accoglibilità della medesima (nella fattispecie la data di ultimazione dell'opera abusiva), configurando l'ipotesi di domanda dolosamente infedele ai sensi dell'art. 40 L. 47/1985 impedisce il formarsi del c.d. silenzio-assenso e pertanto deve ritenersi legittimo il diniego assunto oltre i 24 mesi dalla data di presentazione della domanda di condono.

____________________
1. - Cfr. TAR Lombardia-Milano, Sez. II, 31 ottobre 1991 n. 1263 e n. 1277, in Rass. TAR, 1991, pag. 4261 e seg.

2. - Conforme TAR Puglia-Bari, Sez. II, 3 maggio 1994 n. 652, in Rass. TAR, 1994, pag. 2817citata in motivazione; si veda altresì TAR Piemonte, Sez. I, 21 ottobre 1999 n. 614, in Rass. TAR, 1999, pag. 4679.

DIRITTO - Oggetto della controversia all'esame è il provvedimento comunale con cui viene negato il rilascio di concessione edilizia in sanatoria, chiesta ai sensi della legge n. 724 del 1994, relativamente ad opere edilizie consistenti in un "manufatto parte in lamiera e parte in muratura ad uso abitativo" realizzato "sine titulo" dal ricorrente su terreno di sua proprietà.

In particolare a sostegno dell'opposto diniego l'Amministrazione ha assunto la seguente motivazione:.... "la domanda non è assentibile in quanto mediante l'esame delle mappe aereofotogrammetriche del 1986 l'abuso non compare, pertanto risulta essere posteriore all'1.10.83 e non ultimato nello stesso anno così come dichiarato dal richiedente in modo dolosamente infedele ai sensi dell'art. 40 della legge n. 47/85.

Inoltre da sopralluogo eseguito dall'ufficio in data 10.10.95 l'immobile in oggetto non esiste più, ma al suo posto è stato realizzato altro manufatto di diversa tipologia e materiale".

Tanto premesso assume un carattere prioritariamente logico la censura con cui si contesta il rilievo dell'Amministrazione secondo cui la domanda di condono sarebbe dolosamente infedele.

La doglianza non ha fondamento.

L'art. 40 della legge n. 47 del 28 febbraio 1985 (norma puntualmente riprodotta nella legge di sanatoria n. 724 del 1994 (c.d. decreto Berlusconi) prevede il caso della domanda di sanatoria dolosamente infedele intendendosi per tale l'istanza di condono presentata sì nei termini ma per la quale l'Amministrazione ha accertato la rilevanza delle omissioni o riscontrato inesattezze.

A tale proposito, la giurisprudenza ha avuto modo di affermare che il rigetto della domanda di condono ex art. 40 citato, siccome ritenuta dolosamente infedele, si verifica allorchè le inesattezze od omissioni siano preordinate a trarre in errore il Comune su elementi essenziali dell'abuso, quali la data della sua commissione, la qualificazione giuridica dell'illecito (cfr. TAR Lombardia Sez. II 31 ottobre 1991).

Ebbene il principio giurisprudenziale testé illustrato risulta essere nelle specie correttamente osservato lì dove l'Amministrazione comunale ha rilevato la posteriorità del termine entro il quale sarebbe stato commesso l'abuso e cioè successivamente al 1° ottobre 1983, venendo così inficiato un requisito essenziale della domanda di sanatoria.

Il Comune in particolare ha posto a fondamento dell'addebito il rilievo aereofotogrammetrico del 1986 in base al quale a quella data l'abuso non compare: trattasi di un elemento, quello addotto a sostegno della contestazione, di indubbia rilevanza probatoria che appare decisivo ai fini all'esame ove si tenga conto degli ulteriori elementi forniti sul punto dall'intimata Amministrazione.

Quest'ultima, evadendo una precisa richiesta istruttoria appositamente formulata da questa Sezione ha chiarito che, relativamente ai criteri di localizzazione, "oltre ad avere eseguito un sopralluogo si è sovrapposto la mappa catastale con quella aereofotogrammetrica individuando esattamente il sito in oggetto sul quale non risulta riportato l'immobile oggetto di condono".

Tanto sta inequivocabilmente a dimostrare che gli accertamenti tecnici complessivamente svolti dall'Amministrazione hanno una schiacciante forza probatoria e confluiscono univocamente nella stessa direzione che è quella di evidenziare l'assenza alla data del 1.10.83 dell'abuso in contestazione.

Per il vero viene anche contestata l'esistenza di un manufatto con tipologia e materiali diversi da quello oggetto della domanda di condono, ma siffatta circostanza ancorchè in linea teorica possa concorrere a legittimare una istanza di condono, appare, in assenza di più dettagliati elementi di valutazione recessiva rispetto al rilievo (rivelatosi, come or ora illustrato, fondato) relativo al carattere dolosamente infedele della domanda di condono presentata dal sig. V.

Quanto sopra esposto comporta altresì l'infondatezza della ulteriore censura, sempre formulata col primo mezzo d'impugnazione, con cui si sostiene la tesi della tardività del diniego per essere stato quest'ultimo assunto oltre i 24 mesi dalla data di presentazione della domanda di condono: invero, la inesatta rappresentazione della realtà contenuta nella istanza di concessione in sanatoria su un presupposto essenziale per l'accoglibilità della medesima (la data di ultimazione dell'opera abusiva) impedisce certamente il formarsi del c.d silenzio-assenso (cfr. TAR Puglia Sez. II 3 maggio 1994 n. 652).

Destituito di giuridico fondamento, inoltre, si appalesa il secondo motivo di gravame.

La non sanabilità delle opere edilizie di che trattasi comporta conseguentemente l'adozione delle misure repressive di cui al capo I della legge n. 47/851 specificatamente, trattandosi di opere pacificamente assoggettate, ai fini della loro realizzazione, al regime concessorio, alla sanzione di cui all'art. 7 della predetta legge e nell'irrogare tale misura sanzionatoria l'Amministrazione, come rilevasi dalla lettura della parte motiva del provvedimento impugnato, ha avuto cura di indicare anche a mezzo dei dati catastali l'ubicazione e la natura dei beni immobili coinvolti nella vicenda, con chiara e comunque sufficiente individuazione degli immobili interessati alla procedura ablatoria.

In forza delle suestese notazioni il ricorso all'esame in quanto infondato, va respinto.

Non occorre pronunziarsi in ordine alle spese di causa, attesa la non costituzione in giudizio dell'intimato Comune di Pietrasanta

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana, Sezione III^, definitivamente pronunciando sul ricorso all'epigrafe, lo Rigetta.

Nulla spese.

Ordina che la presente Sentenza sia eseguita dall'Autorità amministrativa.

Progetto 01/2017
IMPORTANTE!

CNAPPC - Sistemi AWN  e Formazione

Link a iM@teria


COLORO CHE NON HANNO MATURATO TUTTI I CREDITI IN DATA 31/12/2016 HANNO TEMPO FINO AL 30/06/2017 PER METTERSI IN REGOLA.

Schema esemplificativo relativo alla applicazione delle sanzioni disciplinari.

 


Per accedere ai corsi ON LINE è necessario entrare in im@teria nell'area Accesso Centralizzato ai servizi CNAPPC. Le password al primo accesso devono essere richiete nell'apposita area richiesta delle nuove credenziali.


Recupero credenziali d'accesso

Il recupero delle password è automatico. Non bisogna inviare alcuna mail, collegandosi ad Im@teria cliccare su Non ricordi i dati di accesso? e seguire la procedura richiedendo la password.

Se non si ricorda la username oltre che la password, basta essere in possesso del codice fiscale.


Nuova procedura unificata di autenticazione utente
Leggi tutto


Comunichiamo che per l’attivazione della Carta Nazionale dei Servizi è indispensabile controllare l’esattezza dei propri indirizzi e-mail e/o PEC in possesso dell’ordine.

Evidenziamo che non ci sono problemi per coloro che ricevono le comunicazioni (Newsletter e altro) da parte dell’Ordine.


Procedura per il reinvio della mail per poter accedere alla piattaforma

Leggi tutto


NUOVE LINEE GUIDA TRIENNIO 2017/2019

Circolare

Linee Guida

Allegato 1-Definizioni

Allegato2- Tabella

Allegato3-Requisiti Enti terzi

Allegato4- FAD

Le linee guida sono riportate con la comparazione con quelle vigenti nel triennio passato.

Tali linee guida sono in vigore dal 1 gennaio 2017


LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L’AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO VALIDE NEL TRIENNIO 2014/2016

Cartella zip

Presidio Protezione Civile

Consiglio di Disciplina

A seguito di modifica di un nominativo in data febbraio 2015 ri rende nota la

Circolare riportante l'elenco dei componenti

Invia PEC

 

Rivista Progetto

Canale YuoTube TeleArchitetti

Europa Concorsi

L’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Salerno ha realizzato in collaborazione con Europaconcorsi un progetto di comunicazione dalle caratteristiche estremamente innovative: Log-on.

Il servizio è completamente gratuito per tutti i nostri iscritti
Clicca QUI per registrarti
Clicca QUI per accedere
In caso di problemi chiamare l’helpdesk al 800031580

 

Consiglio di Amministrazione e la Giunta Esecutiva di Inarcassa, per il quinquennio 2015-2020

- Arch. Giuseppe Santoro – Presidente
- Ing. Franco Fietta – Vicepresidente
- Arch. Gianfranco Agostinetto – Consigliere e componente della Giunta Esecutiva
- Ing. Nicola Caccavale – Consigliere e componente della Giunta Esecutiva
- Arch. Filippo Franchetti Rosada – Consigliere e componente della Giunta Esecutiva
- Arch. Antonio Marco Alcaro - Consigliere
- Ing. Silvia Fagioli - Consigliere
- Ing. Antonio Fasulo - Consigliere
- Ing. Claudio Guanetti - Consigliere
- Arch. Marina Martinotti - Consigliere
- Ing. Ester Rutili - Consigliere

Quota d'iscrizione

Si comunica che il pagamento della quota annuale oltre agli sportelli delle poste italiane sul bollettino di C/C n° 27139849 o con bonifico IBAN IT 29 A076 0115 2000 0002 7139 849, può essere effettuato presso la segreteria dell’ordine.

CODICE BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX

 

PEC

Per richiedere l'attivazione GRAUTITA della PEC è necessario contattare direttamente la segreteria dell'Ordine

CONTATTI

Ordine Degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Salerno
C.F. 95008400657
Via G. Vicinanza, 11 - 84123 - Salerno
TEL. 089/241472 - 3314989813
FAX 089/252865
e-mail: info@architettisalerno.it
PEC: oappc.salerno@archiworldpec.it

 

FATTURAZIONE ELETTRONICA
 
Codice univoco: UFDZ67
A seguito dell’approvazione del Ddl di conversione del D.L. 50/2017 avvenuta in data di ieri, i fornitori di Codesto Ordine dal 1° luglio prossimo dovranno applicare sulla fattura elettronica lo split payment.
CODICE BIC/SWIFT  BPPIITRRXXX

 

Orari di ricevimento della segreteria

Mattina:
dal Lunedì al Venerdì dalle 9,30 alle 12,30
Pomeriggio:
Martedì dalle 16,30 alle 19,30

 

Trasparenza

Consiglio Trasparente

Progetto 01/2017