Responsabile sito Arch. Pasquale Caprio

Tavolo tecnico finalizzato all'elaborazione di un Disegno di Legge in materia urbanistica. Le proposte dell'Ordine

 

All’Assessore Urbanistica e Governo del Territorio

Della Regione Campania

Dott. Ermanno Russo

 

Oggetto: Tavolo tecnico finalizzato all'elaborazione di un Disegno di Legge in materia urbanistica.

 

LEGGE REGIONALE 22 DICEMBRE 2004, N. 16: “Norme sul governo del territorio”

PROPOSTA DI MODIFICA E/O INTEGRAZIONI

1) Art.10 co.2 : Si propone di modificare il previsto termine di dodici mesi dalla data di adozione dei piani portandolo a ventiquattro mesi , in considerazione dei tempi necessari richiesti da un procedimento complesso quale è la pianificazione urbanistica1;

2) Art.7 co.2: Si propone di individuare uno specifico articolo dedicato alla pianificazione associata relativamente alle Unioni di Comuni in sede di convenzione ( anche nell’ottica della riforma “Del Rio”).

Si propone altresì di individuare un articolo di legge che introduca una norma transitoria che regoli il “Governo del territorio” per i Comuni che hanno proceduto alla Fusione territoriale e che quindi sono costretti ad operare con due strumenti urbanistici (vigenti) diversi e/o contrastanti , nelle more di redigere uno strumento di pianificazione unico2;

3) Art.18 co.2 lett.b) Si propone di eliminare la lettera b) al comma 23inerente i carichi insediativi. Tale drastica previsione normativa appare, infatti, eccessivamente rigida. Appare, invece, più utile individuare parametri di indirizzo per i comuni, da recepire nei Piani Comunali (come già previsto al successivo punto 5 lett.b), in linea con la natura dei Piani Territoriali Provinciali come delineata dal D.Lgs 18.8.2000, n. 267. Cio’ anche al fine di evitare, in sede di copianificazione tra Comuni e Province di dover ricorrere a deroghe per modificare i carichi insediativi individuati dal PTCP, allungando i tempi del procedimento .

Al comma 5 del medesimo articolo si propone di inserire specifici punti dedicati a dettare criteri ed indirizzi per l’inserimento nella pianificazione comunale di misure volte al risparmio energetico, all’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili, alla prevenzione dei rischi idrogeologici.

4) Art. 23 Piano urbanistico comunale Si propone di individuare chiaramente, articolandole in modo distinto, le procedure di approvazione del Piano Strutturale e quelle del Piano Operativo. Tanto al fine di garantire al Sindaco di creare i presupposti per l’attuazione del proprio programma demandato proprio al Piano Operativo.

5) Si propone infine l’introduzione di un articolo sulla fiscalità immobiliare, in linea con quanto previsto all’art. 9 della cd. Bozza Lupi (Principi in materia di politiche pubbliche territoriali e trasformazione urbana)

 

REGOLAMENTO 4 agosto 2011, n. 5

PROPOSTA DI MODIFICA E/O INTEGRAZIONI

1) Art.3 (Procedimento di formazione e pubblicazione dei piani territoriali, urbanistici e di settore) Art.9 (Attuazione dell’articolo 3 della legge regionale n.16/2004 - Piano strutturale e piano programmatico) Introduzione per il PUC di una procedura di approvazione specifica per il Piano Operativo e per le sue varianti, considerato che all’attualità non esiste questa doppia operatività. Tale proposta è in linea con la natura del Piano Operativo (cd. Piano del Sindaco) che deve avere caratteristiche di flessibilità rispetto alle invarianti territoriali del Piano Strutturale.

Inoltre si propone l’introduzione di quanto previsto dalla Bozza Lupi all’art.7 co.7 “…Nell’ambito della formazione del piano operativo, secondo il principio di sussidiarietà, i privati, singoli o associati, possono presentare proposte per operazioni di trasformazione urbanistica di maggiore complessità funzionale, gestionale ed economico – finanziaria. Le proposte, corredate da progetti di fattibilità, si intendono come preliminari di piani urbanistici attuativi. I Comuni valutano le proposte pervenute verificandone la rispondenza alle esigenze di dotazioni territoriali già definite ed ai requisiti prestabiliti dal Comune medesimo. I Comuni possono attribuire misure premiali di carattere urbanistico-edilizio alle proposte ritenute migliori in rapporto alla convenienza collettiva che ne deriva, privilegiando le proposte che innovano il sistema delle attività – funzioni urbane, valutando la qualità del processo e del prodotto urbano che sarà raggiunta dall’operazione di trasformazione.”

2) Art.7 (Partecipazione al procedimento di formazione dei piani e delle loro varianti) Si propone di introdurre criteri di partecipazione chiari ed univoci sia per quanto concerne l’individuazione degli SCA, sia per il coinvolgimento dei soggetti appartenenti alle comunità locali nell’ottica di una pianificazione che avvenga nel pieno rispetto dell’art. 1 della L.R. 16/2004 . Il preliminare di Piano deve costituire un momento di discussione per la collettività, nello spirito della pianificazione dal basso.

Al medesimo articolo potrebbe essere previsto che, nelle more dell’approvazione dei Piani Paesaggistici di cui all’art. 135 del Codice dei Beni culturali e del paesaggio, il PUC individui -d’accordo con le Soprintendenze- specifiche regole da utilizzare negli interventi sul patrimonio storico-artistico-ambientale.

4) Art. 12 (Perequazione urbanistica ed ambiti di trasformazione urbana) Si propone di introdurre, all’interno dei piani intercomunali, criteri di perequazione territoriale e forme di coordinamento delle regole perequative dei piani dei comuni interessati a promuovere la realizzazione di dotazioni territoriali, di interesse sovracomunale, di carattere ambientale, infrastrutturale e per le attrezzature ed i servizi.

5) Regolamentare in modo dettagliato le procedure di : Trasferibilità e commercializzazione dei diritti edificatori, Premialità e Compensazione.

 

SENTENZA TAR CAMPANIA ED IL REGOLAMENTO del 4 agosto 2011, n. 5

PROPOSTA

Nelle more di una pronuncia circa il Regolamento n.5 /2011 occorre intervenire a livello legislativo per evitare il vuoto normativo che potrebbe determinare il giudizio di incostituzionalità del sopra menzionato regolamento, al fine di evitare l’arrestarsi dei processi pianificatori in atto e l’inibizione di quelli ancora da espletare.

 

 

 

 

 

 

 

 

1 L.R. 16/2004 smi art. 10 Salvaguardia co.2. : Le sospensioni di cui al comma 1 non possono essere protratte per oltre dodici mesi decorrenti dalla data di adozione dei piani o per oltre quattro mesi dalla data di adozione delle varianti. Decorsi inutilmente tali termini si procede ai sensi dell’articolo 39 della presente legge.

2Art. 7 Competenze. 2. I comuni possono procedere alla pianificazione in forma associata, anche per ambiti racchiusi nei Sistemi territoriali di sviluppo, così come individuati dal PTR e dai PTCP.

3 Art. 18 Piano territoriale di coordinamento provinciale. 2. La pianificazione territoriale provinciale: b) fissa i carichi insediativi ammissibili nel territorio, al fine di assicurare lo sviluppo sostenibile della provincia in coerenza con le previsioni del Ptr;

 

 

Progetto 01/2017
IMPORTANTE!

CNAPPC - Sistemi AWN  e Formazione

Link a iM@teria


COLORO CHE NON HANNO MATURATO TUTTI I CREDITI IN DATA 31/12/2016 HANNO TEMPO FINO AL 30/06/2017 PER METTERSI IN REGOLA.

Schema esemplificativo relativo alla applicazione delle sanzioni disciplinari.

 


Per accedere ai corsi ON LINE è necessario entrare in im@teria nell'area Accesso Centralizzato ai servizi CNAPPC. Le password al primo accesso devono essere richiete nell'apposita area richiesta delle nuove credenziali.


Recupero credenziali d'accesso

Il recupero delle password è automatico. Non bisogna inviare alcuna mail, collegandosi ad Im@teria cliccare su Non ricordi i dati di accesso? e seguire la procedura richiedendo la password.

Se non si ricorda la username oltre che la password, basta essere in possesso del codice fiscale.


Nuova procedura unificata di autenticazione utente
Leggi tutto


Comunichiamo che per l’attivazione della Carta Nazionale dei Servizi è indispensabile controllare l’esattezza dei propri indirizzi e-mail e/o PEC in possesso dell’ordine.

Evidenziamo che non ci sono problemi per coloro che ricevono le comunicazioni (Newsletter e altro) da parte dell’Ordine.


Procedura per il reinvio della mail per poter accedere alla piattaforma

Leggi tutto


NUOVE LINEE GUIDA TRIENNIO 2017/2019

Circolare

Linee Guida

Allegato 1-Definizioni

Allegato2- Tabella

Allegato3-Requisiti Enti terzi

Allegato4- FAD

Le linee guida sono riportate con la comparazione con quelle vigenti nel triennio passato.

Tali linee guida sono in vigore dal 1 gennaio 2017


LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L’AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO VALIDE NEL TRIENNIO 2014/2016

Cartella zip

Presidio Protezione Civile

Consiglio di Disciplina

A seguito di modifica di un nominativo in data febbraio 2015 ri rende nota la

Circolare riportante l'elenco dei componenti

Invia PEC

 

Rivista Progetto

Canale YuoTube TeleArchitetti

Europa Concorsi

L’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Salerno ha realizzato in collaborazione con Europaconcorsi un progetto di comunicazione dalle caratteristiche estremamente innovative: Log-on.

Il servizio è completamente gratuito per tutti i nostri iscritti
Clicca QUI per registrarti
Clicca QUI per accedere
In caso di problemi chiamare l’helpdesk al 800031580

 

Consiglio di Amministrazione e la Giunta Esecutiva di Inarcassa, per il quinquennio 2015-2020

- Arch. Giuseppe Santoro – Presidente
- Ing. Franco Fietta – Vicepresidente
- Arch. Gianfranco Agostinetto – Consigliere e componente della Giunta Esecutiva
- Ing. Nicola Caccavale – Consigliere e componente della Giunta Esecutiva
- Arch. Filippo Franchetti Rosada – Consigliere e componente della Giunta Esecutiva
- Arch. Antonio Marco Alcaro - Consigliere
- Ing. Silvia Fagioli - Consigliere
- Ing. Antonio Fasulo - Consigliere
- Ing. Claudio Guanetti - Consigliere
- Arch. Marina Martinotti - Consigliere
- Ing. Ester Rutili - Consigliere

Quota d'iscrizione

Si comunica che il pagamento della quota annuale oltre agli sportelli delle poste italiane sul bollettino di C/C n° 27139849 o con bonifico IBAN IT 29 A076 0115 2000 0002 7139 849, può essere effettuato presso la segreteria dell’ordine.

CODICE BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX

 

PEC

Per richiedere l'attivazione GRAUTITA della PEC è necessario contattare direttamente la segreteria dell'Ordine

CONTATTI

Ordine Degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Salerno
C.F. 95008400657
Via G. Vicinanza, 11 - 84123 - Salerno
TEL. 089/241472 - 3314989813
FAX 089/252865
e-mail: info@architettisalerno.it
PEC: oappc.salerno@archiworldpec.it

 

FATTURAZIONE ELETTRONICA
 
Codice univoco: UFDZ67
A seguito dell’approvazione del Ddl di conversione del D.L. 50/2017 avvenuta in data di ieri, i fornitori di Codesto Ordine dal 1° luglio prossimo dovranno applicare sulla fattura elettronica lo split payment.
CODICE BIC/SWIFT  BPPIITRRXXX

 

Orari di ricevimento della segreteria

Mattina:
dal Lunedì al Venerdì dalle 9,30 alle 12,30
Pomeriggio:
Martedì dalle 16,30 alle 19,30

 

Trasparenza

Consiglio Trasparente

Progetto 01/2017